+39 348 3818 259

via Androna della Pergola 1 incrocio via Sporcavilla, Trieste

mar-giov-ven: 9.00-12.30 e 16.00-19.00 merc-sab 10.30-18.30 dom-lun chiuso

Top

consigli utili Tag

Mostri113 / Posts tagged "consigli utili"
8 Mar

I bambini e la tristezza

I bambini e la tristezza L'infanzia è spesso associata, idealmente, al periodo più bello e spensierato della vita. È difficile accomunare il concetto di infanzia a quello della tristezza, ma non è raro, invece, che un bambino possa sentirsi triste. La tristezza è una tra le emozioni primarie (insieme a gioia, rabbia, paura, disgusto, sorpresa e noia) e, come tale, è importante che ogni persona, inclusi i bambini, possa sperimentarla. Ma qualcosa ci fa credere che la tristezza -accade anche per la rabbia e la paura- debba essere sconfitta. Inconsciamente giudichiamo alcune emozioni come "negative" e ci augureremmo che i bambini, come noi,...

9 Feb

Mio figlio si annoia… cosa devo fare?

"Mammaaaaaaaa, mi annoio!" Non esiste genitore che non abbia sentito questa affermazione. Noi adulti, sempre di corsa tra impegni di lavoro, famiglia e burocrazia pagheremmo per poterci annoiare anche solo per dieci minuti. I bambini no: loro non sopportano cinque minuti di inattività! Cosa accade quando un bambino si annoia? Innanzitutto vien da chiarire che noia ed apatia sono due cose ben diverse: se l'apatia non è di stimolo a nulla, è il non fare e non desiderare nulla, la noia, per definizione, è un desiderio di azione, è la voglia di fare qualcosa senza aver chiaro cosa. Per i bambini essere annoiati significa...

24 Lug

Elena e i mostri sotto al letto

Ho ricevuto una lettera da Elena. Io l'ho trovata bellissima e mi sono commossa. Mi è piaciuta anche la sua proposta. Voi che ne pensate? "Eccomi qui. Prima di conoscere il tuo mostruoso mondo, ho sempre avuto simpatia per questo aspetto dell’infanzia che fa capolino ad una certa età. Più o meno a tutti le paure si manifestano ed insieme all’astrazione e ad una ormai super consolidata permanenza dell’oggetto, fanno capolino i mostri. Ai miei figli si ficcavano sempre in cameretta, per dire, e si incastravano nei posti più piccoli pur essendo ovviamente mastodontici . Io non li ho mai demonizzati nè ridicolizzati, ma anzi...

21 Giu

Tutorial per migliorare le foto con Snapseed

Migliorare le proprie fot scattate con smartphone è non solo possibile, ma più facile di quanto credi. Ecco un mini tutorial, passo per passo per modificare in pochissimi minuti una foto: da scatto con evidenti difetti a foto interessante. Io uso molto l'app Snapseed, che trovo intuitiva e facile da usare. La puoi scaricare: c'è una versione gratuita che fornisce già ottimi strumenti per cominciare a lavorare sui tuoi scatti da cellulare. Puoi lavorare su uno scatto che hai già nella tua libreria, o scattare una foto e post produrla direttamente con l'app. Se decidi di usare una foto che hai già scattato, la apri nella...

9 Mag

Pianifica, organizza, calendarizza! Ma la spontaneità?

TRA PIANIFICAZIONE, ORGANIZZAZIONE E SPONTANEITÀ DEVE PER FORZA ESSERCI UN MURO? Ho seguito corsi online e offline, riempito quaderni e agende, appiccicato post it ovunque e scritto su ogni muro. Ho sperimentato metodi tedeschi, giapponesi, italiani e orientali. Ancora non posso affermare di aver pienamente imparato a pianificare il mio lavoro. Faccio questa considerazione dopo aver assistito inerme ad una serie di errori nella mia penultima newsletter, forse scritta troppo frettolosamente e sicuramente non pianificata nei dettagli (ps: se vuoi iscriverti alla mia newsletter clicca QUI) Perché ti racconto tutto questo? Non certo per autolesionismo, né per desiderio di farmi commiserare. Ti racconto i dettagli del...

2 Mag

LE PAURE DEI BAMBINI: COME AFFRONTARLE?

5 SOLUZIONI SEMPLICI E DIVERTENTI PER AIUTARLI A STARE MEGLIO   Lo sbaglio più comune che compiamo tentando di rassicurare i bambini, è quello di dare una spiegazione razionale alle loro paure o disquisire sul perché non dovrebbero provare timore. Questa soluzione può spesso essere inutile e potrebbe diventare un’arma a doppio taglio. Ciò di cui tuo figlio ha bisogno nel momento in cui ti comunica la sua paura, di fatto, è la tua vicinanza e la tua empatia…   Dover affrontare l’improvvisa paura del buio, di dormire in autonomia o anche solo il terrore di entrare in una stanza che fino a ieri non rappresentava...